Intervista Giorgia TondiGiorgia ci fa guardare La Collina degli Elfi con gli occhi di una liceale alle prese con lo studio e la passione per la scherma, che la accompagna da quando era piccola.

Da quanto tempo sei volontaria, Giorgia? E quali eventi ti hanno condotta in Collina?

Lo scorso anno mi sono avvicinata alla Collina tramite alcuni amici, che mi hanno contagiata con la positività del progetto e non ho saputo resistere. Nonostante la mia idea iniziale fosse quella di completare il ciclo di alternanza scuola-lavoro con le poche ore mancanti, partecipando al corso di formazione intensivo sono stata trattenuta da una curiosità magnetica e sono diventata volontaria.

Quali attività hai svolto in Collina?

Durante la mia prima stagione in Collina ho partecipato a varie attività  a contatto con i bambini che, più o meno impegnativi, hanno sempre partecipato con gioia e attenzione, e ho proseguito poi gestendone anche alcune in prima persona.

Infatti ho avuto l’onore di sostituire Adriano Cavallo, il mio maestro di scherma, esponente del Club Scherma associati di Alba e Asti.

Inoltre, mettendo a frutto i miei studi nel settore, ho introdotto alcuni bambini all’arte del fumetto, proponendo loro le tecniche di base per il disegno e per la costruzione della storia e di un personaggio.

Due o tre turni alla settimana hanno favorito una sorta di dipendenza, tanto che mi trovavo ad essere triste all’idea di non essere in Collina il giorno seguente!

Come riassumeresti la tua esperienza?

Dopo un primo approccio pieno di dubbi e preoccupazioni, sono stati sufficienti pochi turni ed un paio di sorrisi per passare dalla teoria del corso alla magia di questa avventura.

Se tutti i volontari sanno bene come la settimana di permanenza in Collina cambi bambini e famiglie, ci tengo a specificare che quest’anno ha cambiato molto anche me, e sono pronta a ricominciare alla prossima apertura.

Sei molto giovane; raccontaci la tua visione del rapporto tra il mondo del volontariato e la tua generazione.

Sono fiera di riferire, in seguito ad un’Assemblea d’Istituto tenutasi presso il Liceo Artistico P. Gallizio di Alba, in cui sono stata, con Maria Sole e Francesco, portavoce del nostro progetto, che molti giovani della mia generazione sono aperti all’ idea del volontariato o già impegnati attivamente. A mio parere dunque c’è la possibilità di inserire molti ragazzi accanto ai volontari senior.

Grazie Giorgia! La tua testimonianza è preziosa quanto il grande aiuto che offri alla Collina. A presto!